Domande e risposte sulla distribuzione di volantini

Quanto costa distribuire i volantini nelle case dei potenziali clienti?

Il costo varia in funzione della quantità (più volantini si distribuiscono e maggiore è la convenienza) e dei luoghi selezionati per la distribuzione (consegnare in una grande città è più semplice che in una località di montagna). In ogni caso il costo contatto è basso, specie in relazione alla maggiore opportunità di successo che offre un volantino. Si suggerisce di chiedere sempre un preventivo personalizzato e dettagliato per comprendere bene il servizio proposto.

Qual è la giusta quantità di volantini da stampare per coprire un’area abitata da 100.000 persone?

Di certo non occorre stampare 100.000 volantini ma molti di meno! Il numero dipende dalle strutture abitative (condomini, villette, ecc.), dalla loro concentrazione, dal numero di caselle postali e dalla struttura sociale del territorio (famiglie numerose, single, ecc.). La società di distribuzione deve suggerire un piano dettagliato anche su questo fondamentale aspetto.

Se un punto vendita opera in una città da 100.000 abitanti ma vende prodotti idonei a una specifica fascia di popolazione, come funziona la scelta del numero di volantini da stampare?

La società di distribuzione deve dimostrare di disporre e utilizzare strumenti di conoscenza del territorio. Questo significa avere dati, ad esempio, su dove si concentrano le famiglie piuttosto che i single, i giovani o gli anziani, alta o bassa scolarità, fascia di reddito, tipologia di abitazione, ecc. Con queste informazioni si selezionano i territori da coprire e si fornisce un numero sulla quantità di volantini da stampare.

La società di distribuzione di volantini come può fornire informazioni su dove abitano i clienti?

Per sapere dove abitano i potenziali clienti è necessario operare con il Geomarketing, ossia con tutte quelle fonti che forniscono informazioni statistiche sulla popolazione e sul patrimonio immobiliare e disporre dei software indispensabili per utilizzare questi dati e rappresentarli sulle mappe delle città.

Per raggiungere un buon risultato di affluenza nel punto vendita, fisico o digitale, quante volte è necessario ripetere la distribuzione dei volantini?

La scelta della frequenza di distribuzione è connessa al contenuto. Se con il volantino si comunica una promozione o un evento speciale è sufficiente una singola distribuzione creativa e motivante, se invece s’intende diventare il punto di riferimento di una clientela che compie frequentemente acquisti è necessario aumentare la propria visibilità nelle abitazioni di chi effettua le compere.

Affidando la distribuzione di volantini a una società esterna il committente è comunque legalmente direttamente responsabile (normativa sul lavoro, ecc.) dell’operato dell’azienda incaricata. In che modo ci si può tutelare sul rispetto delle leggi?

In Italia l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), ha istituito il Rating di Legalità e le aziende che l’ottengono possono ottenere da un minimo di Una Stella a un massimo di Tre Stelle. Le Tre Stelle sono il riconoscimento di trasparenza, legalità, correttezza amministrativa e fiscale e rassicurano i Clienti in termini di gestione della Responsabilità Solidale, così come dimostrano di avere realmente una strategia di Corporate Social Responsibility (CSR), ossia la volontà e capacità di andare oltre gli obblighi di legge, migliorando il proprio impatto su società e ambiente.

Le imprese che desiderano distribuire volantini in più città necessitano di diverse società per compiere questo servizio?

Italia Distribuzioni è l’unica società ad operare sull’intero territorio nazionale grazie alla propria rete di hub e magazzini per organizzare ogni fase della distribuzione: un solo partner per raggiungere una popolazione di 60 milioni di abitanti.